Il TEMPO nell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo

Nel dicembre 2012 è stato inaugurato il nuovo ospedale di Bergamo “Papa Giovanni XIII” , all’interno di questa grande struttura sanitaria ci siamo occupati di gestire l’informazione oraria..

L’ospedale è formato da sette torri collegate tra loro da una via interna coperta al piano terra chiamata “Hospital Street” su cui si affacciano gli ingressi dei vari reparti e servizi; queste entrate sono numerate come in una vera strada: da un lato si trovano i numeri pari e dall’altro i dispari.

Il nostro obiettivo principale è stato quello di assicurare la sincronizzazione oraria a tutti i dispositivi sia a livello dell’attività dell’ospedale vero e proprio (per es. le sale operatorie) che delle realtà esterne ma presenti nella struttura (per es. rendere accessibile e agevolmente leggibile l’ora da parte degli utenti).

Per rispondere a queste necessità abbiamo posizionato in ogni torre un’antenna a cui viene collegato un Orologio Pilota MCK2245 a cui verranno collegati poi tutti i dispositivi orari.

Le antenne si collegano al segnale radio DCF77 di Francoforte e trasmettono l’ora esatta all’orologio pilota MCK2245 che a sua volta la trasmette a tutti gli orologi, torre per torre.

Il Master Clock MCK 2245 Solari svolge sia la funzione di sorgente di sincronizzazione oraria (è un orologio adatto per il pilotaggio di impianti di orologeria centralizzata), sia la funzione di segnalatore programmabile mediante l’utilizzo di dispositivi opzionali (quindi il controllo a programma di dispositivi di segnalazione acustica, di illuminazione…etc).

[per saperne di più andate al link MCK 2245]

A questi orologi pilota sono stati collegati tutti gli orologi OLC Contasencondi delle sale operatorie e tutti gli orologi analogici della Linea OLC presenti nell’ospedale.

L’orologio OLC 7030 è un orologio di controllo contasecondi a lancette per sale operatorie, laboratori e anche per usi industriali; fa parte della tradizione orologi industriali della Solari di Udine. Di stile sobrio ed elegante l’OLC 7030 è dotato di doppio quadrante e consente l’immediato e costante controllo dell’ora e della funzione contasecondi.

[per saperne di più andate al link OLC 7030]

La Linea OLC della Solari è una serie di orologi analogici rotondi che si adattano a ogni stile di arredamento. La linea prevede orologi di diametro diverso (da 30 cm a 1 m), possono essere sia indipendenti che ricevitori (come nel caso dell’ospedale di Bergamo), sia per interni che per esterni.

[per saperne di più andate al link Linea OLC]

Con questo sistema di collegamento è stato così possibile garantire all’Ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo la precisione di sincronizzazione oraria ad elevata leggibilità ed uniformità dell’informazione del tempo in tutte le aree della struttura.

Nell’ospedale di Bergamo sono presenti inoltre altri prodotti Solari di Udine: gli Eliminacode per la gestione delle attese e i terminali LBX 2790 per il controllo e la gestione delle presenze del personale.

Prodotti di cui noi abbiamo curato l’installazione e curiamo tutt’ora la manutenzione e l’assistenza.

Per approfondire la conoscenza di tutti questi prodotti potete visitare il nostro sito www.tosolini.org dove troverete informazioni dettagliate e tanti altri prodotti.

Se volete venire a trovarci siamo in via Provinciale, 44 a Lallio, ci trovate dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 13.30 alle 17.30.

Un sentito ringraziamento a tutti quelli che ci leggono, ai nostri clienti e a quelli che ci contatteranno, vi auguriamo una buona giornata.

Tosolini Ora Informatica S.r.l.

OROLOGI INDUSTRIALI & “Le Tic-Toc-Choc” part 2

”Ascolta la tua voce, la tua anima.
Troppe persone ascoltano il rumore del mondo invece che sé stesse.”

Leon Brown


Buongiorno a tutti voi, come vi avevamo annunciato nell’articolo precedente –> “OROLOGI INDUSTRIALI & Le Tic-Toc-Choc part 1”, eccoci qui per proseguire il discorso illustrandovi il panorama dei nostri orologi silenziosi che sono tutti della Solari di Udine.

Sono gli orologi della Linea CDL, i DOMINO e l’orologio per esterni QUASAR; sono tutti digitali e dotati di tecnologia NTP.

Linea CDL, disponibile in varie tipologie di modelli e
visualizzazione delle informazioni, solo ora/calendario più ora.

La serie degli orologi CDL, orologi-calendario a display luminoso, ha una linea sobria e di chiara leggibilità. Sono orologi dall’aspetto vintage ma dotati di tutte le specifiche tecnologiche NTP per la sincronizzazione e la tecnologia PoE per il flusso dei dati e l’alimentazione.

*

*

*

*

*

*

*

*

*

Questa linea è disponibile in diversi modelli e grandezze che si adattano dunque ad ogni tipologia d’ambientazione.

Passiamo poi all’orologio DOMINO che è il più recente realizzato dalla Solari di Udine, non si tratta in realtà di un semplice orologio, poiché in virtù di tutte le caratteristiche di cui è dotato, DOMINO è a tutti gli effetti un display.

*

*

*

*

*

*

*

*

DOMINO è dotato di un design elegante e posato, dispone di un sensore di luminosità che ne adatta l’emissione di luce all’ambiente, ma non è tutto.

Grazie alle multifunzionalità del suo software (la cui interfaccia avviene tramite web browser) questo orologio-display può fare da cronometro, conto alla rovescia e conta eventi usando diversi formati; può anche visualizzare degli scorrimenti  testi (su singola riga, doppia o in alternanza) e per ultimo, ma non meno importante, può essere preparato anche come un essenziale eliminacode e all’occorrenza essere programmato alternando le sue funzionalità.

Arriviamo ora alla fine della rassegna di tutti i nostri orologi con l’orologio QUASAR.

QUASAR è un orologio ad emissione di luce per esterno e per interno, di spessore ridottissimo;  rende al massimo delle sue potenzialità negli ambienti esterni.

Questi orologi possono coesistere armoniosamente con ogni tipo d’ambiente. Grazie ai led e alla regolazione automatica della luminosità, la leggibilità è immediata sempre e ovunque (anche in ampi spazi o in posizioni angolate).

QUASAR “Ora Minuti Previsioni Meteo”
QUASAR “Ora Minuti”
QUASAR “Ora Minuti Secondi”
QUASAR, colori alternativi di LED e CASSA

E’ disponibile nelle diverse versioni: “Ora Minuti” – “Ora Minuti secondi” – Ora Minuti Previsioni Meteo”; in tutte le versioni è possibile visualizzare, alternativamente, la temperatura o la data.

QUASAR, alternanza Temperatura/Ora e Minuti

Nelle sue differenti versioni oltre ad essere in grado di misurare la temperatura, può misurare l’umidità ambientale (grazie ad un sensore esterno) e la direzione del vento – nella versione Meteo mostra 4 simboli di previsione del tempo, la sua configurazione avviene attraverso protocollo NTP con un’interfaccia grafica web based.

Se vi siete appassionati abbastanza potete visitare il nostro sito www.tosolini.org dove troverete  tutti i prodotti e i servizi che forniamo (timbracartellini, sistemi gestione presenze, controllo accessi, eliminacode…) nonché tutti i dettagli tecnici relativi agli orologi che vi abbiamo descritto.

Per dubbi o ulteriori curiosità non esitate a contattarci saremo felici di ascoltarvi e fornirvi tutte le info del caso.

Telefonate allo 035 20 33 46 oppure mandateci una mail a info@tosolini.org

*

Un caro saluto a tutti voi che leggete e alla prossima,   

*

Tosolini Ora Informatica s.r.l.

*

*

*

OROLOGI INDUSTRIALI & “Le Tic-Toc-Choc” part 1

Le Tic-Toc-Choc”[ Harpsichord Solo: Le Tic-Toc-Choc ou les Maillotins – YouTube], pezzo per clavicembalo di Francois Couperin

***

“Ogni corpo ha la sua sensibilità in tema di rumori e il fatto che i suoni siano del tutto innocui o assolutamente insopportabili dipende più dalla loro qualità che dalla quantità.”
Jane Austen

Buongiorno a tutti 🙂 oggi vorremmo condurvi in una sorta di “viaggio-sensoriale” che ci porterà a un tipo di considerazione particolare nella scelta dell’orologio più in sintonia con ciascuno di noi… per farlo iniziamo da un piccolo racconto:

“Durante un’estate particolarmente calda parlavo con un mio conoscente dicendogli che, da quando avevo messo il condizionatore in camera da letto, finalmente riuscivo a dormire tranquillo. Lui mi disse che preferiva il ventilatore. Il ventilatore?! Non sarei mai riuscito a dormire con un ventilatore accanto al letto! In realtà prima di montare il condizionatore ci avevo provato diverse volte, ma fa  troppo rumore, appena riuscivo ad addormentarmi venivo svegliato da “un’altra passata”[…]Lui insistendo mi disse, invece, che senza il ventilatore non riusciva proprio ad addormentarsi. E sai perché? La spiegazione è nelle origini sudamericane di questo mio conoscente: anche se vive ormai da diversi anni in Italia, quando era piccolo, nei momenti di particolare calura, la sera la mamma lo metteva a letto, accendeva il ventilatore per farlo stare fresco…e lo coccolava finché non si addormentava. Per me, dunque, il ventilatore era un rumore che non mi faceva dormire…mentre per lui, quel rumore conciliava il sonno, perché a livello inconscio gli ricordava le coccole di sua mamma…”¹

Possiamo dire che la realtà percettiva di ognuno di noi è soggettiva, o meglio, che esiste una realtà oggettiva (nel caso della nostra storia: c’è un ventilatore in funzione in una stanza) e il resto dell’esperienza è creata da ognuno di noi in base al nostro vissuto.

Immaginate ora di sostituire il ventilatore con un orologio che scandisce i secondi con le sue lancette che fanno  tic-tac, tic-tac …provate a chiudere gli occhi e ascoltate. Che reazioni, sensazioni vi suscita?

Ciò che rappresenta l’orologio ovvero il tempo che scorre ha da sempre e nei secoli affascinato l’uomo tanto che il tic-tac dell’orologio ha ispirato artisti di varia natura. Ne abbiamo dato un esempio nell’immagine di copertina dove il musicista e compositore F. Couperin  ci ha lasciato una sua interpretazione in musica(Grigory Sokolov – Couperin – Le tic-toc-choc ou Les maillotins – YouTube), ma pensate anche nella pittura per esempio agli orologi “molli” di Salvador Dalì, per non parlare poi dei filosofi dal mondo greco antico ad oggi.

Arriviamo ora al dunque, se siete in cerca di un orologio sappiate che qualsiasi reazione o sensazione sia emersa dal vostro vissuto abbiamo per voi delle ottime notizie perché ne abbiamo disponibili di diverse tipologie e modelli.

Abbiamo sia quelli rumorosi che fanno sentire il loro ritmo, sia quelli completamente silenziosi, senza alcun ticchettìo o altro tipo di suono acustico.

“Gli orologi facevano tic e tac; quelli di oggi fanno stress e relax, stress e relax.”
Stefano Bartezzaghi

Cominciamo col presentarvi i nostri orologi ticchettanti che sono gli OLC, OLC7030, POLAR e i LINEABQ.

Il primo che vi presentiamo è l’orologio OLC, orologio analogico rotondo della tradizione orologi industriali della Solari di Udine. Le sue proporzioni, la forma e il colore ne fanno un prodotto estremamente elegante e funzionale che si combina perfettamente con ogni stile d’arredamento.

Orologi OLC, versione da parete

Questa linea di orologi comprende sia orologi indipendenti (al quarzo) che ricevitori (24 V), sia per interni che per esterni, sia a quadrante semplice che doppio (per le versioni a bandiera o a soffitto).

Il modello è disponibile in una vasta gamma di diametri  (da 24 cm a 50 cm) e la lancetta dei secondi è disponibile su richiesta.

Orologio OLC a soffitto
Orologio OLC in una sala d’attesa

Le cifre, accuratamente studiate nelle dimensioni e serigrafate in rilievo, garantiscono una perfetta e chiara lettura anche da grande distanza.

Orologio OLC 7030 contasecondi

Segue poi l’orologio OLC7030 contasecondi, anch’esso facente parte degli orologi della Solari di Udine.

L’orologio è composto da due grandi quadranti ad alta leggibilità che indicano ora e minuti da una parte e minuti e secondi dall’altra.

Si tratta di un orologio di alta qualità, dotato di precisione estrema.

Questa sua precisione di funzionamento è assicurata da un movimento al quarzo interno oppure da un ricevitore per il quadrante orologio e da un motorino sincrono per il quadrante contasecondi.


Orologio OLC 7030 contasecondi in una sala operatoria

In questo caso l’orologio è pensato per luoghi in cui misurare lo scorrere del tempo con assoluta precisione sia una vera necessità, pensate per esempio a sale operatorie, laboratori di ricerca, studi radiofonici, centri sportivi o industrie chimiche.

L’orologio può essere fissato a parete oppure in incasso al muro.

“L’orologio parlava ad alta voce. L’ho buttato via, mi faceva paura quello che diceva.”
Tillie Olsen

Proseguiamo poi con la serie di orologi Polar che utilizza la famosa tecnologia a paletta e la serie di orologi LineaBQ, serie di orologi che combinano la visualizzazione analogica a quella digitale a palette.

Entrambe le serie di orologi sono caratterizzate da un design essenziale ed intramontabile che si adatta a qualsiasi tipo d’ambiente garantendo un’elevata qualità di visualizzazione anche a distanza.
Sono orologi precisi, facili da installare ed utilizzare, sono completamente automatici, dotati di movimento al quarzo alimentato da pile.

Di seguito vi mostriamo i formati e tipologie disponibili degli orologi POLAR:

*

*

*



*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

Ora di seguito invece i modelli disponibili degli orologi LINEABQ:

*

Orologi BQ 15, versioni in forma quadrata

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*


Orologi BQ 368, versioni a forma circolare

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

TO BE CONTINUED…

*

Per oggi ci fermiamo qui, dandovi appuntamento al prossimo articolo dove continueremo il percorso illustrandovi i nostri orologi silenziosi….

Nel frattempo se vi abbiamo in qualche modo ispirato, potete visitare il nostro sito internet www.tosolini.org, dove troverete tutti i dettagli tecnici dei nostri orologi. Oppure potete scriverci via mail info@tosolini.org o telefonarci allo 035 20 33 46 e saremo lieti di chiarire qualsiasi dubbio.

A presto,              

Tosolini Ora Informatica S.r.l.

*

*

*

¹”La tua mente può tutto”: pag.32, di Italo Pentimalli

ELIMINACODE: CONOSCERE, la Costomer Satisfaction, gli utenti ci raccontano

Solo raramente riusciamo a soddisfare noi stessi; è quindi tanto più consolante avere soddisfatto gli altri.
Johann Wolfgang Goethe


Oggi  arriviamo all’ultima puntata di questa esplorazione all’interno del mondo degli eliminacode evoluti.

*

*

*

*

Eliminacode, componenti del Sistema Smart-Q:

erogatore touch-screen

display di sportello a LED

display LCD-TFT di sala

*

*

*

*

Prima di procedere ai contenuti vi diamo di seguito i link agli articoli precedenti:

ELIMINACODE: SITEMA SMART Q, una soluzione per 3

ELIMINACODE: GESTIRE, la soluzione per ottimizzare i flussi d’utenza

ELIMINACODE: INFORMARE – Digital Signage, la soluzione per comunicare con l’utente

Eccoci dunque alla terza parola chiave che ha ispirato Solari nella realizzazione del sistema di eliminacode SMART Q: Conoscere.

Centro CUP dell’ASST dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo in cui è stato installato
un sistema Eliminacode SMART Q

Siamo in un grosso ospedale.

Immaginate di far parte del Team incaricato di gestire i flussi d’utenza, avete fatto installare un sistema di eliminacode evoluto come Smart Q all’interno di ogni reparto (centro prelievi, CUP, etc…): ogni reparto con il suo erogatore touch-screen,  i vari Display di sportello a LED e avete sfruttato le potenzialità dello schermo display di sala LCD-TFT su cui oltre ai numeri chiamati avete inserito del materiale multimediale da condividere con l’utenza; tutto ciò al fine di risparmiare tempo e spese per l’ospedale e fornire agli utenti un servizio veloce, efficiente dando l’opportunità contemporaneamente di impiegare in modo alternativo l’eventuale tempo di attesa, ma…cosa manca ancora?

Le migliori vittorie, le più grandi soddisfazioni, i momenti di vera gioia sono quelli per i quali si sono impiegati più tempo, energia e forza, in cui ci si è spesi completamente.

Stefania Belmondo

*

*

*

Ciò che manca è che, dopo tutto questo lavoro, volete sapere se le energie e le risorse che avete impiegato nel progetto sono efficaci o se invece c’è ancora qualcosa da poter ottimizzare, in poche parole

volete conoscere il livello di gradimento del servizio da parte degli assistiti.

Il concetto di customer satisfaction, così caro alle aziende che desiderano fidelizzare il cliente, si sta espandendo anche al pubblico servizio. Il percorso logico per arrivare a questo tipo di strategia è quello di conoscere esattamente quale sia l’opinione del cliente, al fine di poter proporre soluzioni coerenti rispetto alle esigenze manifestate.

*

*

*

C’è un certo grado di soddisfazione nell’avere il coraggio di ammettere i propri errori.

Dale Carnegie

*

*

*

Cambia quindi il concetto di utente nella Pubblica Amministrazione, che non viene più visto come un semplice cittadino a cui erogare un servizio ma diventa – a tutti gli effetti – un cliente a cui fornire un prodotto efficiente.

Il primo passo per conoscere l’opinione del “nuovo cliente” è identificare uno strumento capace di raccogliere ed elaborare questo tipo di informazione.

Terminale CST 2010
Terminale CHIOSCO

Solari – leader nei sistemi per la raccolta dati – propone una soluzione intuitiva ed immediata per raggiungere questo obiettivo, che si compone di:

• display: un terminale o una rete di terminali touch screen attraverso cui il cliente può esprimere un giudizio sul servizio (CST 2010 o Chiosco)

• software: un applicativo grazie al quale è possibile raccogliere ed elaborare le informazioni ricevute

• server: il software viene installato su un semplice PC in grado di interfacciarsi con i terminali per la raccolta delle preferenze (non è necessario un server dedicato!)

Il software è stato progettato per interfacciarsi con il cliente nella maniera più semplice ed immediata possibile: in pochi secondi è possibile esprimere un giudizio, senza perdite di tempo, in modo immediato grazie all’utilizzo di simboli riconoscibili.

I display per l’individuazione della customer satisfaction sono disponibili in due modelli:

Il modello terminale CST 2010, di piccole dimensioni, si può posizionare ad ogni consolle operatore(creando una rete):

Oppure, il modello terminale CHIOSCO a mo’ di totem, in posizione verticale da tenere a terra:

Indipendentemente dal modello scelto,  l’interfaccia grafica è semplice ed immediata: le 3 faccine “emoticons” (icone divenute universali e quantomai intuitive anche per chi non ha mai avuto contatto con il linguaggio delle nuove tecnologie) esprimono un giudizio positivo, neutro o negativo.

Un giudizio negativo dà più soddisfazione di una lode, ammesso che sappia d’invidia.

Jean Baudrillard

Oltre alla semplice raccolta di informazioni sulla soddisfazione del cliente, grazie all’analisi dei dati e all’elaborazione di report statistici, con il sistema SMART Q si possono mettere a fuoco i punti di forza e di debolezza del servizio erogato e valutare le soluzioni per l’ottimizzazione dello stesso.

Per informazioni più tecniche vi invitiamo a visitare il nostro sito oppure contattateci direttamente al telefono o via mail:

Il nostro sito web:

www.tosolini.org

Link alla sezione “Eliminacode”:

https://www.tosolini.org/detail/Comunicazione/Eliminacode.aspx

Link alla sezione “CST 2010”:

https://www.tosolini.org/detail/Comunicazione/CST2010.aspx

Link alla sezione “CHIOSCO”:

https://www.tosolini.org/detail/Comunicazione/Chiosco.aspx

E-mail:info@tosolini.org

Telefono: 035 20 33 46

Se visitate il nostro sito, date un’occhiata anche a tutti i nostri prodotti e servizi che offriamo: per i sistemi di gestione presenze, timbracartellini tradizionali, orologi e i sistemi per gli accessi automatizzati.

Ora, salutandovi, vi porgiamo un invito a seguire il nostro prossimo articolo, per scoprire insieme dopo questa avventura quale sarà il nuovo tema d’esplorazione …

Buona giornata e a presto!

TOSOLINI ORA INFORMATICA S.r.l.

ELIMINACODE: INFORMARE Digital Signage, la soluzione per comunicare con l’utente

Aspettare e subire sono due cose distinte, l’ho imparato anch’io col tempo.
Essere pronto è molto, saper attendere è meglio, ma sfruttare il momento è tutto.

Arthur Schnitzler

Buongiorno a tutti voi,

eccoci di nuovo qui per continuare a raccontarvi dell’ideazione di “SMART Q una soluzione per 3”, nello scorso articolo abbiamo esplorato la prima parola chiave da cui prende vita il progetto di SMART Q, oggi ci occupiamo della seconda: Informare.

Mantenendo vivido l’esempio che vi avevamo fatto riguardo un possibile scenario nella sala d’attesa d’un centro prelievi, c’è da considerare un nuovo elemento…per quanto possa essere evoluto un eliminacode, se il flusso di persone dovesse essere davvero molto elevato, può essere che il tempo d’attesa per l’utenza (anche se di molto ridotto) resti non indifferente.

È da qui che nasce l’esigenza di trovare un modo per impiegare in modo costruttivo questo tempo di attesa altrimenti “morto” e fonte di frustrazione. Capirete bene che non tutti portano con sé un libro o il giornale,  c’è poi l’opzione di navigare con il cellulare ma…spesso questi luoghi sono schermati e la copertura della rete spesso non arriva come dovrebbe…

Immaginate ora che sul display LCD di sala dove vengono segnalati i numeri da servire vengano proiettate delle promozioni su dei pacchetti di esami di Check-up, per esempio : Check-up Base, Diabete, Anemia pacchetto base o completo, Reumatologico base o completo, Ormonale donna /donna in  menopausa o uomo, osteoporosi base o completo etc…le persone mentre sono in attesa del prelievo vedendo questi messaggi potrebbero interessarsi a qualche pacchetto…e decidere di prenotarne uno o più.

Questo ovviamente vale per tutti i luoghi di vendita prodotti o di fruizione di servizi: negozi di vendita al dettaglio, palestre, supermercati, cliniche, banche etc..

(esempio d’utilizzo del display LCD-TFT all’interno di un Supermercato)

Vorremmo farvi presente che uno studio effettuato su larga scala (campione di 4200 consumatori in 14 città) ha osservato che l’utilizzo di un display informativo all’interno del punto vendita aumenta sensibilmente le vendite anche fino al 24% in più per i prodotti promossi dal messaggio multimediale.

Solari ha pensato a una soluzione per comunicare con l’utente e fornirgli un contenuto, delle informazioni. In questo modo si dà la possibilità di sfruttare il momento e dare a questo tempo un senso, un’utilità.

(esempio d’impiego del display LCD-TFT per la fruizione di informazioni)

Il display LCD-TFT di sala, utilizzato per la visualizzazione degli ultimi ticket serviti può essere utilizzato anche per la fruizione di video, immagini o altri contenuti multimediali (anche testi statici e/o dinamici); l’intenzione quindi è quella di utilizzare il digital signage come nuova forma di comunicazione, basata sulla distribuzione di contenuti multimediali in formato digitale.

(esempio di utilizzo del display LCD-TFT in un negozio di abbigliamento, viene utilizzato per presentare i prodotti attualmente in vendita)

L’impiego del digital signage nei sistemi di eliminacode può essere utile per esempio per  la divulgazione di informazioni in merito ai servizi erogati oppure può essere utilizzato per tutte le forme di comunicazione più ampia: iniziative sociali, culturali, territoriali o commerciali.

(esempio di utilizzo del display LCD-TFT in un info point turistico)

Tutti hanno bisogno di comunicare: orari, info, meteo, annunci, messaggi, provocazioni…ma ciò che conta è tuttavia il modo in cui lo facciamo e soprattutto il momento in cui lo facciamo, non basta un messaggio efficace ma bisogna trovare un “tempo giusto” in cui metterlo a disposizione.


L’informazione è la risoluzione dell’incertezza. Claude Shannon

Nessuno degli strumenti tradizionali di comunicazione riesce a comunicare nel tempo giusto, nemmeno la TV e nemmeno internet riescono a penetrare il consumatore poiché non sono presenti quando e dove serve, cosa invece possibile grazie a questo sistema, l’informazione è presente al momento dell’acquisto o al momento della fruizione del servizio.

Sperando di avervi incuriosito, non vogliamo andare troppo oltre sconfinando in un discorso “troppo tecnico” e vi invitiamo per le info più specifiche a consultare i contenuti del nostro sito per quanto riguarda tutto il sistema eliminacodehttps://www.tosolini.org/detail/Comunicazione/Eliminacode.aspx

Per info ancora più tecniche invece riguardo il solo schermo display LCD-TFT di sala usate questo link → https://www.tosolini.org/detail/Comunicazione/TFT.aspx

Non esitate a contattarci per richieste, dubbi, consigli su come trovare la soluzione più adatta a voi, di seguito i nostri contatti:

Sito web:               www.tosolini.org

E-mail:                   info@tosolini.org

Telefono:              035 20 33 46

Vi ricordiamo che sempre sul nostro sito trovate poi tutti i nostri prodotti e servizi che offriamo per i sistemi di gestione presenze, timbracartellini tradizionali, orologi e i sistemi per gli accessi automatizzati.

Dandovi appuntamento al prossimo articolo…vi auguriamo una buona giornata!

TOSOLINI ORA INFORMATICA S.r.l.

ELIMINACODE: GESTIRE, la soluzione per ottimizzare i flussi d’utenza

“Si è bravi a gestire quando si è bravi ad ascoltare.” Michele Apruzzese

Buongiorno a tutti!

Come promesso eccoci qui per approfondire il nostro viaggio all’interno di “SMART Q una soluzione per 3”(link all’articolo precedente), nel primo articolo su questo argomento vi avevamo accennato alle tre parole chiave da cui prende vita il progetto di SMART Q, oggi ci occupiamo della prima: Gestire.

Per rendere immediato e chiaro quanto sia importante organizzare bene e quindi gestire la mobilità dei flussi delle persone in una sala d’aspetto con un evoluto sistema di eliminacode visualizzeremo due tipi di scenario che avranno in comune:  il luogo di svolgimento, i protagonisti e le loro esigenze.

Luogo: Sala d’attesa di un centro Prelievi di un ospedale.

Personaggi: Gli assistiti (tra i quali troviamo alcune delle figure che avevamo incontrato nel precedente articolo: un chiacchierone, un tuttologo, un business man, una coppietta di anziani , una donna in gravidanza, un papà con due bambini, un disabile…etc), il personale amministrativo di sportello e gli infermieri preposti per effettuare le prestazioni sanitarie.

Esigenze: per il personale ospedaliero infermieristico sono quelle di poter svolgere il loro lavoro con la giusta concentrazione senza inghippi e perdite di tempo su questioni non strettamente inerenti i loro specifici compiti, per il personale ospedaliero amministrativo sono di svolgere il loro lavoro in modo efficiente, veloce ma accurato ed infine le esigenze degli assistiti che sono molte e soprattutto assai diversificate, non tutti devono fare lo stesso tipo di prelievo, alcuni hanno esami molto specifici e rari, altri devono solo consegnare dei campioni, alcuni sono più urgenti di altri e necessitano precedenza e così via…

Arriviamo ora all’esplorazione di questo scenario gestito da due diverse tipologie di eliminacode:

a) Eliminacode “standard” con il solo distributore di ticket cartaceo:

In questa situazione potete già intuire quale genere di entropia  si va ad alimentare, è possibile una sola tipologia di fila generando per alcuni assistiti una durata d’attesa estremamente lunga rispetto all’effettiva esigenza specifica  (per es. una persona che deve consegnare solo un campione di urine si ritrova ad aspettare magari anche 40 o più prelievi prima di lui o immaginate far aspettare troppo a lungo dei bambini o una donna in stato interessante, o una persona che deve fare due cose diverse e deve riprendere il biglietto due volte…pensate anche solo fare doppia fila per accettazione e pagamento) gli addetti agli sportelli farebbero fatica  a seguire tutto e col passare del tempo rallenterebbero il loro lavoro con annesse lamentele aumentando la possibilità d’errore nell’operato, figuratevi poi come arriverebbero dagli infermieri i vari utenti dopo aver vissuto un’attesa così pesante e frustrante, con effetti di riflesso poi anche sugli infermieri…si genererebbe un caos che aumenterebbe esponenzialmente col il passare del tempo, con il contemporaneo e conseguente abbattimento della qualità del servizio, del lavoro dei dipendenti e di un’esperienza negativa e pesante per gli assistiti. Alla stessa scena assisteremmo anche se ci fosse fisicamente una persona (e sarebbe anche molto dispendioso e magari non basterebbe una sola persona…) ad occuparsi specificatamente della parte di smistamento, indirizzamento e ordine degli ingressi nei vari box.

b) Eliminacode “evoluto e informatizzato”:

È possibile creare più file contemporaneamente per ogni tipo d’esigenza: una per accettazione e/o pagamento, una per i prelievi, una per prelievi donne in stato di gravidanza, una  per i bambini, una per la sola consegna campioni, una per consegna campioni+prelievo e(importante!) con la possibilità con lo stesso numero di essere chiamato più volte, e così via… in base al numero degli utenti in coda per ciascun servizio offerto, si potrebbe dare priorità ad alcuni servizi o attribuirne più di uno allo stesso sportello.
Inoltre essendo tutto informatizzato, è possibile un veloce e sicuro tracciamento dell’assistito “X” collegato al numero “Y” chiamato per tutta la durata del processo di erogazione del servizio.
E’ possibile avere a disposizione dunque uno strumento di gestione flessibile e adattabile in tempo reale a seconda delle esigenze dell’utenza presente in quel momento. Tutto si svolgerebbe con chiarezza, linearità, efficienza e tranquillità di tutti (si spera anche del tuttologo e della persona anziana brontolona!) con conseguente aumento della qualità del servizio e per i dipendenti di poter lavorare nel pieno delle loro potenzialità.

La soluzione Solari per la gestione dei flussi d’utenza  è il più valido strumento per tutte le realtà che offrono servizi al pubblico e che utilizzano un certo numero di sportelli adibiti all’erogazione di servizi.

Gestire dunque significa primariamente indirizzare l’utente in modo semplice ed intuitivo verso lo sportello del servizio desiderato, utilizzando dispositivi come l’erogatore di ticket  ed i display riepilogativi e di sportello; contestualmente creare uno strumento di gestione dello sportello che lo renda flessibile in tempo reale ed estremamente funzionale.

Sitema eliminacode completo “SMART Q” Solari presso un ospedale
Sitema eliminacode “SMART Q” Solari presso un supermercato, il display oltre a indicare il numero da servire proietta delle pubblicità sui prodotti in vendita

Sitema eliminacode completo “SMART Q” Solari presso Poste Italiane

Il sistema di eliminacode SMART Q  si compone di :

Componenti hardwere di SMART Q Solari


***

***

“Per gestire in maniera vincente e convincente qualsiasi tipo di attività non bisogna necessariamente essere bravi a svolgere qualsiasi mansione, bensì essere bravi a selezionare e a delegare a chi quelle mansioni le sa svolgere meglio di noi.”

Manuel Mariani

***

***

**

***

***

***

La gestione di questi componenti hardware viene affidata al software di gestione Smart Q formato da due elementi software:  il software di gestione per la configurazione e il controllo dell’intero impianto e il software per il coordinamento delle funzionalità di sportello.

Passiamo ora ad illustrarvi brevemente le curiosità più degne di nota riguardo a questo sistema di eliminacode, le innovazioni più interessanti le troviamo nell’erogatore di biglietti touch-screen e nel software di sportello alla console operatore.

Ciò che rende l’erogatore di biglietti flessibile e sofisticato sta dentro: sul pratico display touch-screen LCD-TFT è possibile personalizzare gli elementi grafici per definire il numero di pulsanti da visualizzare, il colore, per riservare un’area del display ad informazioni dedicate, immagini o loghi.
Per le informazioni di tipo testo si possono definire proprietà quali il carattere da utilizzare e la relativa dimensione.
È inoltre possibile diversificare gli scontrini, in termini di contenuti e formato, in base al servizio.

Ogni pulsante del display è associato ad un servizio e riporta la dicitura del servizio, il numero di utenti in attesa ed il tempo medio di attesa, in questo modo l’utente ha la piena visibilità sui tempi di attesa e può decidere se procedere con la richiesta del ticket. Quando il servizio non è disponibile, i relativi pulsanti sul display sono inattivi e indicano gli orari di attività.
Il ticket stampato riporta informazioni standard (data e ora, servizio richiesto, numero di chiamata, numero di utenti in coda e tempo medio di attesa) ma può stampare anche altre informazioni  come testo, logo e immagini. La stampante termica dispone di sensori per la segnalazione in tempo reale al sistema centrale ed agli operatori di sportello dell’esaurimento della carta.

 Per quanto riguarda il software di sportello facciamo notare che alle più diffuse soluzioni hardware, che necessitano di un cablaggio dedicato, Solari ha preferito la creazione di una console operatore virtuale, da installare direttamente nel PC già in uso dagli operatori che non richiede cavi e dunque non ingombra la postazione; si tratta dunque di una vera e propria App web, generata dal software di sportello che permette di effettuare la chiamata, di indicare se l’utente si è presentato o meno, di gestire i ticket sospesi (cioè quelli chiamati e che non si sono presentati) ed è possibile mettere in pausa o chiudere lo sportello.

***

“Il segreto per vincere è una gestione costante e attenta.”
Tom Landry

***

Infine per rendere il discorso più concreto qui di seguito vi proponiamo un piccolo schema di quello che potrebbe essere un sistema di eliminacode evoluto come SMART Q:

Sperando di avervi incuriosito vi invito a seguire i prossimi articoli, per informazioni tecniche più approfondite potete guardare sul nostro sito oppure potete contattarci direttamente in azienda tramite mail o telefono:

Sito web:     www.tosolini.org

E-mail:         info@tosolini.org

Telefono:    035 20 33 46

Sempre sul nostro sito trovate poi tutti i nostri prodotti e servizi che offriamo per i sistemi di gestione presenze, timbracartellini tradizionali, orologi e i sistemi per gli accessi automatizzati.

Auguriamo a tutti quelli che ci leggono una ottima e proficua giornata, dandovi appuntamento al prossimo articolo…

TOSOLINI ORA INFORMATICA S.r.l.

ELIMINACODE SISTEMA “SMART Q”, UNA SOLUZIONE PER 3

Leopardi ha scritto L’infinito mentre era in coda alle Poste (Tristemietitore, Twitter)

Vi è mai capitato attendendo in coda in posta oppure in fila per una visita o un prelievo in ospedale di osservare le persone in sala d’attesa?

Trovo che certe attese abbinate a certi luoghi creino un’occasione involontaria di conoscenza sociologica molto interessante…ci sono diversi topos che “colorano” queste situazioni.

Partiamo per esempio dal “chiacchierone compulsivo”, parla, parla, parla, l’errore da non commettere è quello di incontrare anche se fugacemente il suo sguardo, lui non aspetta altro per poter attaccare bottone e iniziare il suo flusso di coscienza, parla e fa tutto da solo, è colui che spesso chiede continuamente conferme a ciò che dice come: “Giusto?” – “No?” – “Ho ragione o no?” – ”Ma, mi dica se non ho ragione”….e così via..

C’è poi la tipologia del “tecnologico”, che solitamente ha la stessa interazione sociale di un vaso cinese; gioca con il cellulare continuamente, senza sosta, la maggior parte delle volte indossa gli auricolari estraniato da tutto ciò che lo circonda; è del tutto inoffensivo, non saluta, non interagisce, non osserva, l’unico suo scopo è superare il suo record personale.

Successivamente c’è la categoria “anziani” che si divide in due tipi: ci sono quelli positivi che sono la categoria ”della nonna” ed è la più amabile, sempre cortese e disponibile, quella che se ti cadesse mai qualcosa per terra sarebbe la prima a rincorrerti per comunicartelo, quel tipo di anziani che già solo a vederli fanno tenerezza; poi ci sono gli anziani “brontoloni” quelli che hanno tolleranza zero verso qualsiasi cosa animata o no: dagli impiegati, al luogo in cui si trovano, su quanto devono pagare, su quanto devono aspettare e che ogni minuto che passa fanno notare che stanno aspettando troppo e che devono andare via(magari non hanno in realtà nulla da fare), di solito il rito della “lamentazione” inizia nel momento stesso in cui ritirano dal totem il biglietto per la coda…la verità, è che fanno tenerezza anche loro.

In seguito c’è il tipo “business man/woman”, sono quelli che non resistono al bisogno di passare tutto il tempo al telefono parlando di lavoro e inevitabilmente lo fanno a voce alta, ridendo sguaiatamente e possibilmente piazzando pure qualche parolaccia a casaccio; spesso non mancano i pettegolezzi su altri colleghi e infine piazzano in mezzo alle frasi una miriade di parole inglesi italianizzate tipo: “ieri ero troppo busy per rispondere” – “ti forwardo la mail appena posso” – “lo abbiamo brandizzato” etc..mentre fanno tutto ciò controllano il mondo intorno a loro per captare quanto la gente sia rapita dalla loro esibizione.

A volte ci sono “i fissatori”, uomo o donna che sia, sono quelli che fissano gli altri con la perseveranza e la perizia di un investigatore privato, a volte questo crea imbarazzo e ci ritroviamo ad incrociare i loro sguardi come a dire “…beh ma che hai da guardare!” ma ecco che agili come dei giaguari sono lesti a volgere lo sguardo altrove, pensate così di esservene liberati ma è solo un illusione perché subito dopo riprendono a fissarvi in modi sempre più sottili… c’è solo da sperare che arrivi presto il vostro o il loro turno.

Infine c’è il “tuttologo”, quello che se ci troviamo in uno studio medico si crede il Dottore sostitutivo, magari si azzarda pure a chiedervi perché siete lì e se mai rispondeste inizia a darvi la sua diagnosi inserendo nelle proprie frasi quanti più termini tecnici conosce; se è del tipo “polemico” potrebbe pure criticare delle vostre terapie precedenti (nonostante sia nella sala d’attesa dello stesso medico!!!). Per lui non c’è una vera cura e anche per lui l’unica speranza è che venga chiamato il prima possibile…

Non ho mai capito perché noi esseri umani pensiamo al tempo come a una linea che va da dietro in avanti, mentre potrebbe procedere in tutte le direzioni, come ogni altra cosa del sistema del mondo.“
Ferruccio Busoni

Indipendentemente a qualunque tipologia possiate appartenere o abbiate di fronte c’è una cosa che accumuna tutti: per ognuno di noi il tempo è la risorsa più preziosa che abbiamo.
Se in qualche modo il mondo contemporaneo ci ha insegnato che esistono risorse rinnovabili, il tempo rimane un bene ad esaurimento. Per ognuno di noi (giovani e meno giovani) il tempo è diventato sempre più prezioso. Rimanere fermi di fronte ad uno sportello in attesa di pagare un ticket, fare una visita o di spedire una semplice lettera per raccomandata sono spesso percepiti dalle persone come momenti più lunghi dell’effettiva durata, mal tollerati, sprecati.

SISTEMA ELIMINACODE “SMART Q”:
UNA SOLUZIONE PER 3

È per questo motivo che Solari S.p.A. ha creato una soluzione efficace per snellire l’attesa e allo stesso tempo per dare una vera qualità a questo tempo:

Gestire – Informare – Conoscere

Sono le parole chiave che hanno ispirato Solari per realizzare SMART Q un sistema dei flussi d’utenza con eliminacode capace di integrare più funzionalità utilizzando gli stessi strumenti.

Trattandosi di un discorso ampio e sfaccettato, in questo articolo ci limiteremo a parlarvene in termini generali, negli articoli successivi approfondiremo poi ognuno dei tre aspetti di cui è composta “SMART Q”, una soluzione per 3.

Nel pubblico come nel privato, saper gestire il tempo nella maniera migliore (per l’ente e per l’utente) significa ottimizzare l’intero servizio.

Eppure, paradossalmente, è proprio il tempo nello spazio pubblico che ci tiene in contatto con l’informazione. Se internet ci ha reso cittadini del mondo, il territorio continua a prendersi cura del luogo in cui viviamo, ci muoviamo, cresciamo.
È da questi luoghi che principalmente veniamo a conoscenza di ciò che si muove intorno a noi: dai pannelli a messaggio variabile leggiamo variazioni giornaliere sulla circolazione, dalle “chiacchere” nei negozi scopriamo, quasi per caso, che il trasporto pubblico verrà sospeso o che verrà inaugurata una nuova piscina.

Nel campo della gestione dei flussi di utenza con gli eliminacode, ottimizzare o reinventare il tempo di attesa in coda o del servizio atteso significa dunque trasformare il tempo morto in tempo vivo in cui la persona abbia un momento utile per ottenere preziose informazioni.

Informare dunque, atto necessario per l’erogazione corretta del servizio, significa anche comunicare con l’utente e rendere più utile la sua attesa.

“Un mezzo sicuro per irritare la gente e metterle in testa pensieri cattivi è quello di farla aspettare a lungo. Ciò rende immorali.”
Friedrich Nietzsche




Terminale Customer Satisfaction “CST 2010”

La necessità di essere certi di prenderci cura nel modo più corretto dell’utenza ci porta ad una debita conclusione: dobbiamo conoscere l’efficacia del servizio offerto, dobbiamo avere un feedback.


Studiare un sistema minuzioso – diversificando molti servizi e sportelli, ad esempio – potrebbe sembrare logico, teoricamente ottimale per ridurre i tempi di coda ma potrebbe confondere l’utente nella fase iniziale di indirizzamento… soltanto uno strumento atto sia a raccogliere le opinioni dei nostri utenti sia a fornire valutazioni statistiche sui tempi e sulle funzionalità degli sportelli può dirci come e in che direzione migliorare il nostro sistema.

Per oggi ci fermiamo qui 🙂 sperando di aver stuzzicato la vostra curiosità vi invito a seguire i prossimi articoli oppure, per i più curiosi, potete già sbirciare qualche info in più dal nostro sito e potete contattarci direttamente in azienda tramite mail o telefono:

Sito web:     www.tosolini.org

E-mail:         info@tosolini.org

Telefono:    035 20 33 46

Sempre sul nostro sito trovate poi tutti i nostri prodotti e servizi che offriamo per i sistemi di gestione presenze, timbracartellini tradizionali, orologi e i sistemi per gli accessi automatizzati.

Auguriamo a tutti quelli che ci leggono una ottima e proficua giornata, dandovi appuntamento al prossimo articolo…

TOSOLINI ORA INFORMATICA S.r.l.

VIAGGI OLISTICI – TEMPO AFORISMI OROLOGI VI parte

“Posso perdere una battaglia, ma non perderò mai un minuto.”
Napoleone Bonaparte


Vi sembrerà strano ma nel mondo dell’immaginazione questa citazione napoleonica mi fa venire in mente ciò che potrebbe dire un orologio, un orologio parlante, un orologio comandante, un orologio PILOTA…mi spiego meglio:

Quanto è importante che un orologio dia sempre l’ora esatta?

Facciamo un esempio:

Chiudete per un attimo gli occhi e immaginate un illuminato e valoroso stratego dell’antica Grecia con al seguito il suo numeroso esercito composto dai suoi soldati, tutti in “uniforme” ma ognuno con le sue diversità e caratteristiche peculiari: sono tutti pronti e in attesa di direttive, di un segnale per agire.

Teoria di soldati armati, particolare decorativo di vaso attico, ceramica a figure nere. Civiltà Greca, VI sec. a. C.

Consideriamo ora che un requisito fondamentale per riuscire a vincere una battaglia sia che tutti i soldati debbano essere coordinati tra loro, uniti e compatti; al comandante stratego spetta il compito di farsi rispettare e ascoltare per creare unione e compattezza d’azione, questo può dare più chance di vincere rispetto a un comandante (non molto “stratego”..) che non viene ascoltato, né seguito, né rispettato o che magari dà delle direttive contrastanti…il risultato di quest’ultima scena in battaglia è una catastrofe e per i soldati non resta che darsela a gambe…

Adesso immaginate una grande palestra con diverse sale per diverse attività (lo stesso discorso può valere per le scuole, le banche, le grandi fabbriche con più capannoni, etc..), in ogni sala a sé stante c’è un orologio che segna l’ora. Se ogni orologio segnasse un orario differente dall’altro si creerebbero diversi problemi a livello logistico sia per i dipendenti che per i clienti, sistemare l’orario di ogni singolo orologio periodicamente diverrebbe molto impegnativo e anche molto dispersivo… da qui nasce la necessità di trovare un modo per poter sincronizzare in un’unica soluzione l’orario di tutti gli orologi di modo che tutti segnino sempre l’ora corretta senza dover intervenire periodicamente sulla sincronizzazione.

Fare questo è possibile grazie ad un orologio pilota che comanda e dà costantemente l’impulso dell’orario corretto a tutti gli altri orologi (anche timbratrici e pc) collegati ad esso.

.


.

.

” La cattiva notizia è che il tempo vola, quella buona è che il pilota sei tu.” Michael Althsuler

.

.

.

.

.

.

Per creare un impianto di orologeria centralizzata, Solari ha studiato MCK 2290 ntp, un orologio pilota che garantisce alta flessibilità e funzionalità d’impiego.

.

.

MCK 2290 ntp svolge diverse funzioni: tramite il protocollo NTP opera come sorgente di sincronizzazione oraria per i dispositivi connessi, tramite un’interfaccia grafica (webserver) permette la configurazione di tutti gli orologi del fuso orario di riferimento per ciascuno, del cambio ora solare-legale e delle modalità di visualizzazione.

Ecco un esempio di una rete di orologi e terminali gestiti dall’MCK 2290:

Tramite webserver, MCK 2290 ntp può controllare anche la diagnostica degli stessi.

Questo master clock può essere sincronizzato da un sistema primario di tempo campione (un servizio per sistemi informatici collegati alla rete internet, basato su NTP) oppure, come opzione, da un segnale GPS.

Di seguito un altro esempio d’impiego di questo potentissimo orologio pilota che può dirigere i suoi utenti non solo tramite rete Ethernet:

Questo dispositivo pilota è dotato di Power over Ethernet (PoE). La linea MCK propone le versioni da tavolo, da muro e da rack; di seguito vi mostriamo la versione “da rack”:

Fra gli orologi della Solari che si possono collegare all’MCK ci sono “Mosaicosei” l’elegante, “Domino” l’orologio a LED che si crede un display, “Quasar” che segna il tempo e il tempo(meteo) e “CDL” l’orologio luminoso dal design irresistibilmente vintage.

.

.

CDL

Oltre agli orologi si possono collegare al pilota anche le timbratrici per la rilevazione delle presenze con annesso il pc su cui opera il software di gestione presenze.

Se vi siete incuriositi abbastanza potete visitare il nostro sito www.tosolini.org dove troverete  tutti i prodotti e servizi che forniamo.

Per dubbi o ulteriori curiosità non esitate a contattarci saremo felici di ascoltarvi e fornirvi tutte le info del caso.

Telefonate allo 035 20 33 46 oppure mandateci una mail a info@tosolini.org

Un caro saluto a tutti voi che leggete e alla prossima 🙂

Tosolini Ora Informatica s.r.l.

RILEVAZIONE PRESENZE CON APP SMARTPHONE (SMART WORKING e LAVORO MOBILE)

Di te mi fanno impazzire due cose: la presenza e l’assenza.
(CannovaV, Twitter)

***

Lavoratori fuori sede, lavoratori all’aperto, lavoratori dei cantieri, smart working, fiere, trasferte fuori sede, lavoro mobile… c’è un modo per gestire le presenze sul lavoro in tutte queste situazioni prima che l’addetto alle paghe perda la bussola rincorrendo il personale per gestire gli orari presenza di tutti?

Si, si può!!! 🙂

Grazie alla tecnologia sempre più in via di ampliamento e potenziamento al servizio delle nostre necessità è stata creata una modalità di conferma di presenza al lavoro registrabile da remoto tramite una APP direttamente su smartphone per la rilevazione delle presenze e controllo accessi laddove non sia possibile installare una timbratrice “classica” fisicamente presente sul luogo di lavoro.


E ssere presenti è molto più che essere qui.

(Malcom Forbes)

*

*

*

*

La APP è pensata per qualunque tipologia di timbratura (presenze, produzione, check-in) da effettuare al di fuori del luogo di lavoro (senza quindi la disponibiltà di un terminale di rilevazione tradizionale) è possibile installare un’app su un dispositivo Android (smartphone o tablet) che lo trasforma in un terminale completo, funzionante in qualunque località.

È possibile gestire un numero qualsiasi di dispositivi, ciascuno configurato tramite un portale web in maniera indipendente.

Le persone timbrano tramite APP usando lo smartphone oppure uno smartphone e un badge NFC.

Il funzionamento è il seguente: il DIPENDENTE installa una app sul suo telefono Android.

La APP darà la possibilità di registrare una timbratura, come se lo smartphone fosse un terminale di timbratura.

Questa timbratura sarà disponibile per l’UFFFICIO DEL PERSONALE sia nel software per l’elaborazione presenze, sia sul portale per controllare i dettagli, compresa l’eventuale geolocalizzazione (per sapere dove si trovava la persona al momento della timbratura).

E’ possibile configurare il servizio in 2 modalità:

  1. Lo smartphone con APP è equivalente ad un terminale: le persone timbrano avvicinando il prorio badge NFC (è necessario avere smartphone con lettore NFC).
  2. Lo smartphone con APP identifica la persona che effettua la timbratura (non serve lettore NFC sullo smartphone, ma uno smartphone per ciascun dipendente)

Per i curiosi ecco delle specifiche tecniche sulla APP che possono essere di vostro interesse:

. Completamente personalizzabile e configurabile
. Nessun limite di dispositivi gestibili
. Funzionamento on-line / off-line
. Timbrate di ENTRATA/USCITA
. Possibilità di geolocalizzazione GPS sul pannello di gestione
. Portale web
. Accesso personalizzato
. Visualizzazione timbrature in tempo reale, con localizzazione su mappa (se attivata la geolocalizzazione)
. Gestione completa e autonoma dei dispositivi
. Tracciati di esportazione dati
. Invio dati al software gestione presenze

Se siete interessati alla nostra soluzione per la gestione delle presenze da remoto, contattateci per qualsiasi informazione saremo felici di aiutarvi.

Scrivete una mail ad info@tosolini.org oppure telefonateci allo 035 20 33 46 e non da ultimo potete anche consultare il nostro sito www.tosolini.org dove troverete altre informazioni non solo sulla app ma anche su tutti i prodotti e servizi che forniamo.

Augurando a voi tutti una buona giornata, vi salutiamo dandovi appuntamento al prossimo articolo!

Tosolini Ora informatica S.r.l.


SICUREZZA SUL LAVORO&COVID-19

“Forse non siamo perfetti, ma le mani più sicure rimangono le nostre.”
Chris Evans/Steve Rogers

* * *

Mai come in questo momento storico in cui siamo stati improvvisamente catapultati in una situazione globale di allarme e pericolo per la salute di tutti abbiamo bisogno di proteggere noi e gli altri per poter continuare a vivere e crescere.

In particolare, per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro, è ora ancora più importante per lavoratori e datori di lavoro operare in un ambiente il più possibile sicuro, controllato, gestito con la massima attenzione per la tutela della salute di ogni singola persona.



Rilevazione della temperatura corporea e mascherina “Integrata” a rilevazione presenze o apriporta

“Lavorare per la sicurezza sociale ti occupa tutto il tempo, ma ti mette in grado di risparmiare la tua vita.”

Fay Weldon



A questo scopo la nostra azienda, che lavora da decenni nella gestione del controllo accessi e nella gestione delle presenze, si è attivata per offrire ai nostri clienti degli strumenti  di supporto per garantire più sicurezza sul lavoro  mettendo in atto misure aggiuntive di controllo e prevenzione previste dalle autorità per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Possiamo integrare hardware e software per automatizzare il controllo della temperatura corporea e della presenza della mascherina indossata all’ingresso del luogo di lavoro del dipendente: stiamo parlando di una telecamera termometrica.

Telecamera Termometrica TABLET
Software per la gestione integrata tra termocamera e rilevazione presenze
Terminale FINGER CLOCK 4 per rilevazione presenza


E’ possibile gestire la rilevazione in due modalità:

  • Rilevazione della temperatura corporea e mascherina “Stand-Alone”:
  1. l’utente si presenta di fronte alla telecamera per la misurazione della temperatura corporea e per la verifica che la mascherina sia indossata
  2. Il dispositivo invita l’utente a farsi riprendere il volto visualizzando opportuni messaggi sull’ampio display di cui è dotato
  3. A fronte di una temperatura rilevata inferiore al valore massimo ammesso e della verifica che la mascherina sia effettivamente indossata, la telecamera visualizza sul display un’icona verde per segnalare alla persona che può accedere
  4. Nel caso contrario viene visualizzata un’icona di colore rosso.
  5. Alla verifica della misurazione della temperatura e della mascherina, è possibile collegare l’apertura di una porta: se verde la porta verrà aperta, se rosso la porta resterà chiusa
  • Rilevazione della temperatura corporea e mascherina “Integrata”:
  1. l’utente timbra avvicinando il badge al terminale presenze, questa operazione attiva la telecamera per la misurazione della temperatura corporea e per la verifica che la mascherina sia indossata
  2. La telecamera, a forma di tablet, è connessa fisicamente al digital input del terminale presenze e invita l’utente a farsi riprendere il volto visualizzando opportuni messaggi sull’ampio display di cui è dotata
  3. A fronte di una temperatura rilevata inferiore al valore massimo ammesso e della verifica che la mascherina sia effettivamente indossata, la telecamera visualizza sul display un’icona verde per segnalare al dipendente che può accedere e la transazione viene generata normalmente dal terminale presenze
  4. Nel caso contrario il Tablet visualizza un’icona di colore rosso, il display del terminale visualizza la condizione di allarme e la transazione non viene accettata
  5. E’ possibile emettere una segnalazione, rivolta ad un amministratore di sistema, di quali numeri badges hanno fallito la misurazione della temperatura corporea o presenza di mascherina
  6. L’ accettazione o meno della timbratura può essere anche associata all’apertura o meno di una porta o un varco

“Tre sono i componenti fondamentali per garantire un ambiente sicuro: hardware senza difetti, software senza difetti e essere umano senza difetti.”

Giovanni Ziccardi  



Ci sono delle considerazioni generali di cui tener conto per entrambe le modalità d’utilizzo, per assicurarne il corretto funzionamento le telecamere termometriche devono essere posizionate in ambienti stabili per temperatura e luminosità, per questo motivo bisogna scegliere con cura il luogo adatto in cui posizionarle all’interno dell’azienda.

Teniamo a far presente che le immagini registrate dalle telecamere riguardano solamente le situazioni in cui è stato rilevato uno stato febbrile e sono scrupolosamente trattate secondo disposizioni in materia di privacy.

Per chiarimenti e qualsiasi altra informazione tecnica su questi terminali di controllo di cui voi abbiate necessità non esitate a contattarci!

Siamo a vostra completa disposizione.

Tel. 035 20 33 46

e-mail  info@tosolini.org

Orari  8:00/12:00 – 13:30/17:30

Potete anche visitare il nostro sito www.tosolini.org per scoprire tutti i prodotti e i servizi che forniamo e di cui curiamo l’assistenza.

Un caloroso saluto a tutti i nostri clienti presenti e futuri,

Tosolini Ora Informatica s.r.l.